ARTISTI E CULTURE DIVERSE NELLA FESTA DE IL PALIO
Clicca qui per ingrandire

Dopo la celebrazione di apertura, con il suo rito, inizia la festa del Palio, musiche lontane nel tempo, il canto di menestrelli e cantastorie... La festa si trasforma in un "canto popolare". Musicisti e artisti di terre e culture diverse si esprimono e si incontrano sul palcoscenico de il Palio, che è la piazza stessa, dal Brasile di Rogeiro Dentello, con la sua chitarra e la "saudade" della sua terra, ai suoni e alle melodie della tradizione slava dei Balkania fino ai colori e ai ritmi dell'Africa del Senegal dei Chendella. E' così che etnie e suoni trovano casa comune nel Palio, realizzando un'atmosfera unica d'incontro e dialogo immediato con la nostra gente; il linguaggio universale della musica. La magia e il canto del popolo sommese sono espressi nella "tammurriata" dei Saturnalia, gruppo di ricerca delle forme espressive più originali della tradizione folkloristica della nostra terra. E' di casa alla festa del Palio anche la bellissima canzone d'autore, con i Marechiaro Folk di Rosario Attanasio, rivive la poesia di Bovio, Di Giacomo accompagnata dalle note di grandi musicisti come Donizzetti. Bellini, Lama... Questi sono solo alcuni dei tantissimi artisti che in questi anni hanno acceso e coinvolto il popolo in momenti di festa indimenticabili. Ciascuno porta con sé il proprio contributo come fosse un dono, ed è incredibile come questa partecipazione non sia mai stata condizionata da grossi compensi ma dalla voglia di esserci e costruire, anche se solo per una sera, nella festa de il Palio, un tassello di Mondo Unito.

Clicca qui per ingrandire
Clicca qui per ingrandire
Clicca qui per ingrandire
Clicca qui per ingrandire
Clicca qui per ingrandire